Archivi
Categorie

di Salvatore Costanza

Il dubbio resta. Gli elettori hanno votato per le Europee o per le Politiche italiane? La lunga campagna elettorale, che ha messo in campo tutto l’armamentario possibile di una competizione svoltasi tra paure e insulti (verbali e non), priva di proposte programmatiche, e ideologicamente sterile, non poteva avere altro risultato che questo: la deriva elettorale, positiva verso la Lega, negativa verso il Movimento Cinque Stelle, cioè le formazioni politiche che hanno praticamente occupato tutto il terreno delle diatribe elettorali – pro e contra – pur essendo, entrambi, nello stesso Governo e nella stessa maggioranza.

Oltre metà degli elettori, tra l’indifferenza di un’altra buona metà di cittadini astenutisi dal voto, ha così deciso come dovrà essere governata l’Italia (non l’Europa, che saprà governarsi da sé). Un paradosso tutto italiano, che non si era mai letto in nessun manuale di “scienza politica”.

Quale opinione possa esprimersi, fuori da una tale mediocre constatazione? I partiti cosiddetti “tradizionali”, da destra a sinistra, smembrati e dispersi in “fughe” personali e trasformistiche, hanno mostrato poi la loro fisiologica incapacità a rinnovare schemi e mentalità attraverso una rigorosa selezione delle classi dirigenti.

Ma una osservazione, a margine, bisogna pur fare. La discesa in campo di Cardinali e Vescovi contro Salvini, e i suoi feticci sacrali, non è apparsa in linea col riserbo necessario alla Chiesa, e con la sua sperimentata intelligenza di saper cogliere le opportune distanze da certi conflitti interni ai partiti; e quando vi ha preso parte non ne è uscita bene. Così è arrivata per loro la non gradita sorpresa che una parte consistente di “fedeli” ha avuto più fede nella Lega, che nel richiamo alla sacralità dei riti, con annesso appello alla solidarietà e fratellanza per gl’immigrati. (Vedi il caso del cattolicissimo Veneto). Cattolici praticanti, allora, ma poco credenti?

Se poi si considera il fatto che la stragrande maggioranza di quanti si sono recati a votare era costituita da anziani (e pochissimi sono stati i giovani) si può legittimamente pensare che, non riconoscendosi nell’attuale quadro politico italiano, i giovani aspettino, o preparino, una seria alternativa ad esso. La recente mobilitazione a difesa dell’ambiente (e l’affermazione dei Verdi in Germania e altrove) è un segnale incoraggiante, come lo è lo stesso voto degli Italiani all’estero, al di là delle contingenti opzioni di partito e di schieramento.

 

I Commenti sono chiusi

Cerca
bed and breakfast RUA NUOVA

Clicca sull'Immagine x Ingrandire la locandina
Bed And Breakfast
RUA NUOVA

Calendario
settembre: 2019
L M M G V S D
« lug    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  
Visite