Archivi
Categorie

Questo articolo vuole essere una provocazione, ma in tutta onestà, alla fine, anche se la conclusione deve essere ancora scritta, in molti incominciamo a crederci.

 

Al netto delle Fake News, abbiamo attenzionato le foto e le notizie reali inerenti lo sbarco della sonda InSight su Marte (160 milioni di Km dalla terra) e riportiamo le prime notizie senza nulla togliere e senza nulla aggiungere.

Tra le prime informazioni arrivate dall’esplorazione del pianeta c’è la scoperta, ai poli, di un vecchio presunto Lago, lungo 24 km.                                                                                                                                                                           Le temperature variano dai −140 °C degli inverni polari ai 20 °C dell’estate. La forte escursione termica è dovuta anche al fatto che Marte ha un’atmosfera sottile (e quindi una bassa pressione atmosferica) e una bassa capacità di trattenere il calore del suolo.                                                                                                                                                              I campioni di rocce marziane prelevati ed esaminati dal rover Curiosity contengono un mix di elementi con diversi livelli di ossidazione, molto simili a quelli che si trovano sulla Terra. Segno che un tempo la superficie di Marte ospitava livelli di ossigeno tali da modificare la struttura chimica della sua crosta. Oggi sappiamo che sotto la superficie di Marte si trovano dei bacini di acqua liquida, anche se parlare di acqua non è accurato. La temperatura media (-70 gradi) non permetterebbe l’esistenza di acqua allo stato liquido. Più probabilmente si tratta di una specie di salamoia: una soluzione di acqua e sali di perclorato di calcio e magnesio, che avrebbe un punto di congelamento più basso e permetterebbe l’esistenza di questi laghi sotterranei.

Infine, per il momento, pare che il radar (di fabbricazione italiana) abbia percepito un debole vento simile a una brezza leggera che ha scosso i pannelli solari della sonda. Il “vento”, dicono gli esperti, soffia da nord-ovest verso sud-est alla velocità da cinque a sette metri al secondo. Ossia, un modo quasi impercettibile.                                       Altre notizie, intanto, fanno apparire più che verosimile l’esistenza, in passato di una vita su Marte.                                Inoltre, guardando le foto pervenute, non v’è dubbio che le somiglianze – e non solo – tra il Pianeta Rosso e la Terra siano troppo evidenti.                                                                                                                                                            Sembra di vedere la terra tra meno di cinquecento o mille anni. Il processo climatico in corso, infatti, ci avvia verso una estinzione della umanità.                                                                                                                                        D’altronde, la scomparsa. da tempo, delle mezze stagioni come la primavera e l’autunno, e il susseguirsi di inverni sempre più rigidi ed estati molto più calde, ci fanno intravedere gli scenari che oggi osserviamo su Marte.                                                                                                                                                                                                                             Eppure l’umanità, piuttosto che cercare drastici rimedi alla nostra distruzione annunciata, guarda a Marte come potenziale nuova terra di conquista per la sua sopravvivenza, incapace com’è di salvaguardare il proprio pianeta.

D’altronde, oggi, prima del vero Dio creatore del cielo e della terra, l’umanità, a  causa dei poteri forti e delle multinazionali, antepone il “dio denaro” alla nostra stessa sopravvivenza.                                                                                A questo punto ci sia consentita una riflessione: da millenni esistono, sulla terra, tracce evidenti e disegni di alieni mai manifestatesi.                                                                                                                                                                La domanda che ci poniamo è se i marziani, impossibilitati a sopravvivere nel loro pianeta, non avessero cercato e trovato rifugio sulla terra.                                                                                                                                                               Essi, magari dopo involuzioni dovuti a cataclismi naturali e nuove lente evoluzioni, potrebbero essere stati i nostri  veri “antenati”.                                                                                                                                                                    Se così fosse, e potrebbe essere accaduto, quali potenziali figli di una generazione marziana, non è corretto interrogarsi se i veri marziani o i loro discendenti fossimo noi?

 

I Commenti sono chiusi

Cerca
bed and breakfast RUA NUOVA

Clicca sull'Immagine x Ingrandire la locandina
Bed And Breakfast
RUA NUOVA

Calendario
maggio: 2019
L M M G V S D
« apr    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  
Visite