Archivi
Categorie

E IL LORO TRISTE ADDIO ALL’ ISTITUTO

Siamo stanchi di scrivere: “C’era una volta a Trapani…”, anche se a volte si tratta di dolci ricordi non più realizzabili, ma esistono tante cose che dovrebbero essere ancora salvabili e di cui nessuno si cura.                                                                                        Una volta tanto, vorremmo scrivere: “C’è a Trapani…”, ma questo sembra solo un miraggio.  L’ultimo caso di “C’era una volta a Trapani… ” lo abbiamo trattato, con il cuore infranto, il mese scorso, parlando della scomparsa di quella che per Trapani era un fiore all’occhiello perché si occupava dei nostri anziani, spesso non autosufficienti o senza un congiunto che si potesse prendere cura di loro.                                                                                                                                        Parliamo, ovviamente, dell’Istituto geriatrico Serraino Vulpitta. Una bellissima struttura, anche se abbandonata a se stessa a causa dell’ incuria da parte dei vari Consigli di Amministrazione, della Regione e del Comune, dell’ultimo decennio.                                                                                                                                                                                                                                                                   Qui, dall’oggi al domani, ben 32 nostri anziani concittadini sono stati sfrattati e avviati, come pacco postale, in altre strutture, spesso lontane dalla propria città. Senza contare che gli anziani, ormai privi di ogni interesse nella vita, si affezionano alla loro stanzetta e al loro nuovo alloggio ben sapendo che questa è la loro ultima residenza.  E invece no.                                                            Sono stati ben 32 gli anziani, tra i quali una donna di 103 anni, che hanno dovuto lasciare quella che ritenevano la loro ultima residenza  e nella quale si erano, bene o male ambientati.  Anziani sfrattati e trasferiti “d’ufficio” ad Alcamo, Santa Ninfa e Vita.                                                                                                                                                                                                                                           Eppure la casa che li ospitava era una istituzione,  (forse indebitamente) chiamata IPAB, ossia, un Istituto Pubblico di Assistenza e Beneficienza.                                                                                                                                                                                Ebbene, nonostante la sua denominazione, ha chiuso i battenti, con decisione del Commissario regionale, perché i bilanci non erano attivi. Come se, per fare assistenza e beneficienza pubblica, produrre lucro fosse l’unico scopo.                                                                                                                                                                                                                                                                                             “ Il Serraino Vulpitta di Trapani – si legge nella lettera che il Commissario straordinario Marco Fiorella ha scritto alle famiglie - a causa della grave situazione economica gestionale non riesce più a proseguire i propri fini assistenziali istituzionali”. Nel 2016 –  per noi ultimo dato certo –  il disavanzo di amministrazione ammontava a 478.966,34 euro.                                                                                                                                                                                                                                                                                                    Ma c’è di più. Gli ospiti trapanesi, di questa beneficienza sociale, non usufruivano in toto dell’assistenza perché pagavano ben 35 euro ciascuno al giorno per la loro ospitalità. Somme che versavano con le loro pensioni  o con l’aiuto dei familiari impossibilitati a prendersi cura di loro. Per quelli che non avevano disponibilità, intervenivano i rispettivi Comuni. In altre parole, 32 ricoverati fruttavano alla cosiddetta IPAB un introito annuo di ben 403.200,00 euro. Ma non sono bastati, mentre nessuno, fra regione e comune – (Asp e Diocesi di Trapani avevano un componente ciascuno nel CdA)  - si è voluto assume l’onere  “sociale” di assistere i propri corregionali e concittadini. E men che meno, il Comune di Trapani che non ha neppure nominato un suo rappresentante nel Consiglio di Amministrazione dell’ Ipab dove l’incarico è a titolo gratuito.                                    Il Serraino Vulpitta segue, nel tempo, il medesimo destino dell’ex Ospizio Marino, istituto che ospitava i bambini bisognosi o senza famiglia. Strutture di civiltà e solidarietà che,  per i nostri bisognosi concittadini non possono più esistere.                                                                                                                                                                                                                                                                 Ma non si poteva fingere di ospitare immigrati? In fondo si trattava solo di 32 persone.                                                                              Tuttavia, il Serraino Vulpitta rimane, in parte, occupato da altri ospiti, di non lunga degenza, di cui si fa carico la Casa di cura Sant’Anna, pagando un regolare prezzo di locazione per l’immobile occupato e incassando una retta giornaliera di 35,00 euro pagata dagli anziani o dalle loro famiglie.

Intanto, per la cronaca, è bene ricordare che tra il 2010 e il 2011, una parte dell’Istituto era stata adibita a residenza per gli ospiti extracomunitari in attesa di identificazione. Quella ospitalità si risolse con una vera e propria rivolta e con danneggiamenti a mobili e suppellettili oltre al ferimento di diversi agenti della polizia.

Ritornando alla attualità, gli avvenimenti ci obbligano a interpretare in modo nuovo il concetto di Istituto di Assistenza e Beneficienza che, al di là di quanto previsto nel vecchio codice civile, oggi sembra cambiato in mondo perverso e globalizzato.            Non interessa più la personalità pubblica o privata. Sembra, infatti, rimasto in vita solo come concetto di Istituto di incasso (e sperpero?)  dei soldi pubblici. Al passo coi tempi.                                                                                                           Intanto, l’Ipab Opere Pie Riunite “Pastore e San Pietro” di Alcamo, a seguito della disponibilità dell’amministrazione comunale, potrebbe avere un futuro. Quasi certa l’“assimilazione”dei dipendenti fra quelli comunali. Potrebbe essere un passo avanti per il salvataggio dell’intera struttura?                                                                                                                                                                     Forse avremo la possibilità di scrivere: “C’è a Trapani…” o in provincia.

Ma temiamo di illuderci.

 

 

 

I Commenti sono chiusi

Cerca
bed and breakfast RUA NUOVA

Clicca sull'Immagine x Ingrandire la locandina
Bed And Breakfast
RUA NUOVA

Calendario
giugno: 2019
L M M G V S D
« mag    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
Visite