Archivi
Categorie

SI MOLTPLICANO LE VICINANZE ALLA FAMIGLIA GRIGNANO DOPO L’INCIDENTE DI ANGELA A PARIGI

Di Vito Campo

«È sempre più cosciente. Ormai hanno diminuito di molto tutti i sedativi. Adesso riesce ad interagire completamente, quindi riusciamo a stare con lei, parliamo, ci sta aiutando a ricostruire un po’ tutto quello che è successo». A parlare è don Giuseppe Grignano, fratello di Angela la giovane ragazza di Xitta rimasta ferita nell’esplosione di Parigi. A starle accanto, in questo grave momento di difficoltà ci sono la madre Pina, il padre Vincenzo, il fratello Giuseppe, e una zia. L’altro fratello, Salvatore, vive e lavora a Houston in America. Angela ricorda tutto: il dolore alla gamba, alla mano, e il dolore che ha provato, ma è piena di speranza ed i medici dicono che è in ripresa. Attualmente è ricoverata nell’ospedale di Tenon a Parigi, uno dei centri d’eccellenza nella microchirurgia in Europa. Il percorso di recupero sarà lungo, e Angela avrà bisogno di altri piccoli interventi, ma il peggio sembra passato. Arrivano, dunque, buone notizie per un fatto di cronaca che ha scosso la piccola frazione di Xitta, ma anche tutta la città di Trapani, molto turbata da quanto accaduto alla ragazza. Angela, il 12 gennaio, si trovava, come ogni giorno proprio accanto alla panetteria esplosa a causa di una fuga di gas, in rue de Trevise, dove lavorava da novembre come cameriera all’hotel Ibis nel quartiere Opera. Dopo circa un’ora dall’esplosione, è stata ricoverata d’urgenza, e grazie ad una lunga operazione, avvenuta nell’ospedale parigino Laribosiere, è stato scongiurato il pericolo di vita. Tenuta in coma farmacologico per le gravissime ferite riportate ad una mano e alla gamba, è stata sottoposta ad un intervento alla mano e alla gamba sinistra per evitare l’amputazione dell’arto inferiore. Successivamente un altro intervento chirurgico alla stessa gamba nell’ospedale di Tenon. L’equipe chirurgica ha ricostruito tutto quanto era possibile ricostruire: vasi sanguigni, muscolo, pelle, prelevando ciò che serviva da altre parti del corpo. L’intervento, perfettamente riuscito, è stato particolarmente difficoltoso a causa del forte danneggiamento della gamba di Angela. Infatti, era rimasta una sola arteria ad irrorare sotto il polpaccio, rendendo la circolazione sanguigna quasi impossibile. Nel primo pomeriggio del giorno dell’esplosione i familiari della ragazza sono giunti a Parigi. Prelevati dai funzionari dell’Ambasciata italiana e trasferiti nell’ospedale dove Angela si trovava, e da allora non l’hanno mollata un attimo. Una famiglia molto unita, quella di Angela, che da appena tre mesi era Parigi. Dopo una laurea in Scienze e Arte dello Spettacolo, Angela aveva lasciato Roma, dove aveva studiato e vissuto per tre anni, per cercare, purtroppo come tanti giovani del Sud, un’opportunità di lavoro. Il sogno di Angela Grignano è quello di affermarsi nel mondo della danza. «Il celeste del pavimento di questo ospedale – prosegue don Grignano – colore che ci ricorda la tua sofferenza che si trasforma in rinascita. Siamo pronti a ripartire, con un dolore grande sulle spalle ma protesi verso ‘il blu dipinto di blu’ felici di stare sul dorso della speranza che ci spinge verso il tuo futuro. Maria, vergine della speranza e della fiducia, ti accompagna per mano e ti aiuterà a muovere i primi passi di questa nuova avventura, proprio come hanno fatto la mamma e il papà con noi quando eravamo piccoli! Noi ci siamo, non ti molliamo. Mater mea, fiducia mea!». Sono stati tanti i gruppi di preghiera per Angela e la sua famiglia. Tante le parrocchie della Diocesi di Trapani, e in particolare quella di San Giuseppe a Castellammare del Golfo, che si sono unite nella preghiera. «Un giorno ti faremo leggere tutto – scrive sul social network Facebook il fratello Salvatore –, e vedrai tutti i messaggi, le preghiere, i pensieri, le poesie e tutto l’affetto che hai generato. Scoprirai la disperazione e il dolore che questo incidente ha causato, capirai che tutte le volte che hai incontrato una persona le hai lasciato un qualcosa dentro. Un giorno ci rideremo anche su, perché è la cosa che ci riesce meglio di tutte! Buona ripresa sorella, ho solo un pensiero: rivederti ballare». Ed è stato, proprio il fratello Salvatore, a lanciare una raccolta di fondi su internet per aiutare e sostenere Angela e la famiglia in un percorso che sarà molto lungo. Ad oggi sono stati raccolti più di 14.000 dollari. Centinaia di messaggi di affetto, vicinanza, e solidarietà, sono arrivati sul profilo Facebook di Angela da amici, conoscenti, e semplici cittadini per darle forza in un momento così drammatico. E la Curia vescovile di Trapani ha fatto sentire subito la sua presenza: «Il vescovo Pietro Maria Fragnelli e tutta la comunità diocesana si stringono attorno alla famiglia di don Giuseppe Grignano la cui sorella, Angela, è stata coinvolta nella grave esplosione avvenuta questa mattina a Parigi. Monsignor Fragnelli invita tutte le comunità a pregare, oggi e nei prossimi giorni, perché questa giovane ragazza possa tornare presto alla sua vita e ai suoi sogni, manifestando all’intera famiglia Grignano una prossimità intensa ma discreta. La Curia vescovile rimane in attesa di ulteriori notizie da parte della famiglia». E tanti sono stati gli attestati di solidarietà e affetto che sono arrivati ad Angela Grignano e alla sua famiglia. Il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, ha voluto esprimere la sua vicinanza alla giovane Angela: «Siamo vicini con affetto e preghiere alla famiglia di Angela Grignano, la giovane rimasta ferita ieri nell’esplosione avvenuta a Parigi. Alla ragazza siciliana giunga, da parte del Governo regionale, l’augurio più sincero. I nostri migliori auspici affinché la prognosi possa essere sciolta il prima possibile e Angela si riprenda prontamente». Anche il sindaco di Trapani, Giacomo Tranchida, ha manifestato vicinanza: «Saluto con gioia la notizia sullo scampato pericolo di perdere la vita di Angela Grignano. La bellezza anche interiore di Angela e l’affetto dei suoi cari, rimarginerà presto speriamo tutte le ferite. Al netto della vicinanza umana alla famiglia Grignano, con la quale in sede privata ho provato ieri pomeriggio ad interagire, non sottaccio che di queste ore mi sono più volte chiesto se quanti, insieme a me e con diversa responsabilità di governo, abbiamo fatto o continuiamo a fare nell’impegnarci fino in fondo per disegnare un futuro per i giovani del nostro territorio, sovente costretti a lasciare casa e affetti in cerca di futuro». Così il sottosegretario di Stato Vincenzo Santangelo: «Angela Grignano, una mia concittadina trapanese, rimasta ferita durante l’esplosione avvenuta a Parigi, sta lottando come una vera ‘guerriera’. Stamattina al padre, Enzo, ho espresso tutta la mia vicinanza, rassicurandolo che saremo accanto a loro nell’affrontare questa difficile situazione. Angela era lì per lavorare, per trovare la sua strada, la sua opportunità, come tanti ragazzi del Sud». Il sindaco di Castellammare del Golfo, Nicola Rizzo, ha aggiunto: «Esprimiamo vicinanza alla famiglia di Angela Grignano, rimasta ferita nell’esplosione di questa mattina a Parigi. Auguriamo che possa riprendersi prima possibile e la nostra comunità è unita nella preghiera per l’intera famiglia ed il fratello don Giuseppe Grignano, vicario parrocchiale della nostra chiesa di San Giuseppe». Per comprendere la gravità dell’esplosione basti pensare al fatto che le vittime sono al momento quattro: due pompieri, una turista spagnola, e una donna che è stata ritrovata sotto le macerie dell’edificio esploso dalla fuga di gas e dal successivo incendio. Sono otto le persone ricoverate in gravi condizioni, e le persone ferite lievemente sono ventiquattro. Tra i feriti lievi anche due videomaker italiani, entrambi a Parigi per seguire le proteste dei «gilet gialli» contro le politiche del presidente francese Macron. Si tratta di: Valerio Orsolini della trasmissione di Rai3 «Cartabianca» e di Matteo Barzini di «Agorà» sempre di Rai3. Entrambi erano alloggiati all’hotel Mercure, vicino alla panetteria, quando si è verificata l’esplosione.

 

 

I Commenti sono chiusi

Cerca
bed and breakfast RUA NUOVA

Clicca sull'Immagine x Ingrandire la locandina
Bed And Breakfast
RUA NUOVA

Calendario
agosto: 2019
L M M G V S D
« lug    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  
Visite