Archivi
Categorie

BREVI NOTE SULLA CARTA MONETA CHE CAMBIO’ LA REGOLE DI MERCATO

Di Michele Megale

Sfogliando tra le mie carte, ho rinvenuto due foto concernenti le 500 e 1.000 lire rispettivamente del 1876 e del 1873, ovvero i pionieri delle banconote della lira dall’Unità d’Italia.  Poiché la cartamoneta rivoluzionò gli scambi nazionali prima e internazionali dopo, per cercare di comprendere le regole economiche che oggi guidano il governo della economia mondiale attraverso la sua evoluzione, facciamo un breve excursus storico sul corso forzoso della nostra carta moneta, partendo dalla sua introduzione nella nostra nazione, sorta con il Regno del 17 marzo 1861.

Nel 1873 apparvero, sul mercato monetario, i primi biglietti bancari emessi dalla “Banca Nazionale” (1873 – 1876).                                                                                                                                                                                                                                                                La cartamoneta tardò ad affermarsi in un Paese che all’unificazione, nel 1861, aveva e conservò cinque diverse banche di emissione, cui nel 1870 si aggiunse la Banca Romana finita ingloriosamente con il noto scandalo. Prima di allora, la moneta circolante era quasi esclusivamente metallica (argento e rame; l’oro era rarità). Al bisogno di unità di conto con l’aumento degli scambi la Nuova Italia rispose con l’invenzione di “buoni” garantiti da Banche locali e da aziende, giusto quale moneta “locale”. Nel 1866 fu decretato il “corso forzoso” della moneta cartacea: le banche di emissione non furono tenute a “cambiare a vista” il valore nominale dei biglietti in metallo prezioso contrariamente a quanto vi era stampato. Il corso forzoso, all’epoca, aumentò la diffidenza verso la cartamoneta, anche perché di facile falsificazione. Tuttavia, per legge, venne imposta nel nostro Paese come in altri.                                                                                                                                                                                                                             Negli anni, gli Istituti di Emissione si ridussero a due: Banca d’Italia e Banco di Napoli, per poi unificarlo nella prima.                                                                                                                                                                                                                                                           Le conseguenze, inevitabili per affiancare il commercio e lo sviluppo economico tuttavia, furono spesso nefaste e oggi si manifestano con il tanto declamato debito pubblico nazionale.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                    Per la cronaca, la moneta nazionale veniva stampata anche per coprire le spese fuori bilancio, con la conseguenza della sua svalutazione che, tuttavia, veniva supportata dal sistema.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                            Oggi, non potendo stampare cartamoneta, con l’introduzione dell’Euro, l’Italia è costretta a soccombere a favore delle nazioni europee economicamente più forti, costringendo il popolo verso una miseria costante senza alcuna soluzione.                                                 I

Per completezza di cronaca, dobbiamo dire che alcuni studiosi sostengono che la prima banconota della storia abbia origini molto antiche e che possa ricondursi al 118 a.C. e precisamente in Cina. Ma fu sotto la dinastia Song che vi fu l’introduzione della banconota vera e propria: rettangoli di pelle di daino con bordi colorati. Con la dinastia Huang venne poi creato anche un sistema monetario unico, operante sull’intero territorio.

La prima vera banconota pre- unità d’Italia, fu emessa nel 1746 dalle Regie Finanze di Torino, con lo scopo di facilitare il pubblico commercio.

 

I Commenti sono chiusi

Cerca
bed and breakfast RUA NUOVA

Clicca sull'Immagine x Ingrandire la locandina
Bed And Breakfast
RUA NUOVA

Calendario
aprile: 2019
L M M G V S D
« feb    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930  
Visite