Archivi
Categorie

Di SALVATORE COSTANZA

Non si sa che cosa possa dire, e pensare, un qualunque osservatore delle attuali vicende, dei partiti e del Governo. Di fronte ai due/terzi dell’elettorato che si ritrovano nell’arena dell’antipolitica, con un astensionismo da vero e proprio disarmo civile, resta molto poco da riflettere sulla politica. Strascichi di retorica elettorale, promesse che non reggono ai conteggi del Tesoro, discussioni e “pacche sulle spalle” in quel Circolo dei Buoni Amici che è il Governo Lega/Cinque Stelle.

La Politica, con la P maiuscola, non si accende più dei grandi temi della giustizia sociale, della eguaglianza dei diritti civili, della difesa dell’ambiente, della solidarietà internazionale. La Povertà viene azzerata per decreto ministeriale; l’ambiente frana; il blocco alla prescrizione dei processi si rinvia alla riforma della Giustizia (spero, promitto e iuro reggono l’infinito futuro). Cioè fino a quando la Lega avrà baipassato i suoi processi in corso per corruzione. Tutti contenti e gabbati. Cresce intanto la rabbia dei cittadini, insicuri soprattutto per le nebbie che avvolgono l’avvenire dei figli, spinti sull’onda migratoria fuori dalle famiglie.

Una Destra politica, degna di questo nome, non esiste: è un fantasma risucchiato nell’alone salviniano. Certo, i precedenti di rigurgiti autoritari che hanno segnato la storia d’Italia non sono rassicuranti; ma la convivenza europea – non a caso osteggiata da Salvini – dovrebbe, bene o male, difendere le frontiere della legalità incisa a chiare lettere nella nostra Costituzione.

E preoccupa soprattutto l’ondata di consensi ad una ambigua resistenza all’esodo migratorio di quanti fuggono dalla miseria e dalle guerre. Pur nell’ambito di regole, e assistenza, per gli emigrati, non si può dimenticare che quei popoli sono stati ridotti  in schiavitù dai “civili” coloni europei, che hanno depauperato le loro risorse e che hanno portato in quei paesi i propri interessi bellici di supremazia. Per noi, la civiltà cristiana dell’accoglienza e della fratellanza in cui ci siamo educati dovrebbe almeno persuaderci all’umiltà della convivenza.

E la Sinistra? Divenuta ormai una specie di ectoplasma del passato, spersa sul filo dei rancori personali da parenti diseredati, non sa, o non può, sollevarsi a un decoroso

progetto alternativo alle scelte della maggioranza di Governo. Si discute, addirittura, se è il caso di cancellare il nome stesso di “Sinistra” per un campo così variabile di democratici. Per chi scrive questa nota, al nome è legata la sua giovanile utopia politica. Sarebbe una esecrabile umiliazione se lo trovassi ora scritto soltanto su una impalcatura di lavori in corso. (Pedoni a Sinistra).


 

I Commenti sono chiusi

Cerca
bed and breakfast RUA NUOVA

Clicca sull'Immagine x Ingrandire la locandina
Bed And Breakfast
RUA NUOVA

Calendario
maggio: 2019
L M M G V S D
« apr    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  
Visite