Archivi
Categorie

LA POLITICA NAZIONALE APPARTIENE ALL’ITALIA O AI POTERI FORTI?

In questi ultimi mesi, a causa di problemi personali, sono stato costretto a rimane a casa. E si sa bene che quando ti trovi, tuo malgrado, ad oziare, gli unici “amici” sono l’internet e la televisione.                                                                                                      Ebbene, su internet scegli tu cosa fare, per la tv, invece, sei soggetto alla programmazione delle varie Reti che, da qualche mese a questa parte, sembrano essersi accordati sulla trasmissione di stampo politico senza lasciare scelta agli utenti.  Una crescente programmazione che, a mio avviso, ha un solo scopo: screditare gli uomini dei due partiti coalizzati anche se assai differenti su tutto e criticabili.

Chi scrive non ha votato né per l’uno né per l’altro e pertanto ritiene di avere una visione più ampia e priva di pregiudizi.

Il motivo di tale accanimento interno, esterno ed internazionale è, senza ombre di dubbio, assimilabile a quello che ha visto e vede i “poteri forti” cercare di screditare in ogni modo, lecito e illecito, il neo Presidente degli stati Uniti Trump.  E qui esiste una logica perversa: finanziarie, multinazionali, banche potenti e miliardarie società di raccolta e investimenti fondi, avevano puntato tuto su Hillary Clinton, politica di lungo corso, fedele e ubbidiente ai comandi dei poteri forti che l’hanno foraggiata e sovvenzionata durante tutta la campagna elettorale. La sua elezione, dunque, era sicura “oltre ogni ragionevole dubbio”. Unica pecca, la mancata valutazione del voto popolare che, uscendo da ogni logica di potere, ha premiato, a sorpresa, il candidato che si presentava fuori da ogni giochetto politico finanziario.                                                                                                                                 Il rischio, per il potentato finanziario, è quello di vedere scombussolato il programma della economia globalizzata che sta producendo i suoi frutti manovrando, a comando, i capi di Stato.                                                                                                                      Per meglio comprendere facciamo un esempio terra terra partendo dalla nostra economia locale.                                                          Una volta, il nostro Paese, produttore di olio d’oliva, vedeva i produttori incassare una giusta remunerazione durante gli anni di “carica” degli alberi e diminuire le entrate durante gli anni di “scarica”.  Ne conseguiva che l’olio, in base alle regole di mercato, veniva venduto più caro quando la produzione era scarsa, e meno caro quando essa era abbondante. Con l’introduzione forzata della globalizzazione questi margini si sono ridotti o annullati. A guadagnare sono solo le multinazionali che, spostando i prodotti da un luogo all’altro, mantengono i prezzi bassi e inalterati per le nazioni mentre a lucrare, sono solo loro. Ovviamente, perché il giochetto funzioni hanno bisogno della complicità dei vari Stati che, tramite i governanti sottomessi e compiacenti, da loro fatti eleggere, assecondino la speculazione.                                                                                                                                           Ritornando alla politica nazionale ci corre obbligo sottolineare, in primis, che l’attuale patto di governo è anomala e nato solo perché obbligato dal voto popolare che, in questa coalizione ha indicato l’unica maggioranza logica. Logica perché, pur se si tratta di due forze politiche sostanzialmente differenti, sono stati costretti a governare per l’imprevedibile (anche qui come nelle presidenziali americane) voto POPOLARE.                                                                                                                                                              Per questo motivo sono chiamati “populisti”, “nazionalisti” e per qualcuno anche “fascisti” intendendosi oggi con tale termine chiunque non è di sinistra o asservito ai poteri  forti.                                                                                                                                              Certo, un po’ di confusione (anche troppa) tra le file del M5S esiste, ma è dovuto alla comunanza di tanti uomini di origini molto diverse tra di loro destinati a dividersi nel tempo, vanificando, alla fine, il voto popolare che li aveva premiati.                         Molti consensi, invece, raccoglie ancora la Lega che si presenta con progetti realistici (anche se a medio termine) a tutela dei cittadini italiani ancora fieri di essere tali.                                                                                                                                                          Poniamo un velo pietoso sulla posizione della cosiddetta Unione Europea (che tale non è) che con le sue prepotente direttive ha condannato l’Italia a divenire un mercato dove Germania e Francia, in primis, possono fare shopping a prezzi di saldo. E qui consentiteci una riflessione da uomini di strada.                                                                                                                                           L’Europa vuole che la nostra nazione si sottoponga ancor di più alla politica economica e finanziaria di rigore con la scusa del suo alto debito pubblico. Ebbene, da ignoranti, riflettiamo e ci chiediamo: che senso ha proseguire sulla strada del rigore di bilancio se da almeno dieci anni a questa parte tale rigore è servito solo a far lievitare il debito pubblico senza soluzione di continuità?

E allora, meglio cambiare e provare altre strade come quelle indicate dall’attuale Governo. Una strada che ci proietti, a medio termine, verso la crescita economica nazionale e l’occupazione giovanile tentando di ridurre il debito attraverso la crescita economica e sociale come sistema indotto. O no?

ALME

 

 

I Commenti sono chiusi

Cerca
bed and breakfast RUA NUOVA

Clicca sull'Immagine x Ingrandire la locandina
Bed And Breakfast
RUA NUOVA

Calendario
marzo: 2019
L M M G V S D
« feb    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
Visite