Archivi
Categorie

TORNA LA DIFFERENZIATA A TRAPANI NON SENZA DIFFICOLTA’

Da fine ottobre in buona parte del territorio della città è stata avviata nuovamente la raccolta differenziata porta a porta. Attualmente, il servizio è gestito dalla Trapani Servizi, nelle more che Energetikambiente cominci a svolgere il servizio della raccolta differenziata all’inizio del 2019. Coloro che abitano nelle zone servite dal porta a porta sono tenuti ad esporre, davanti la propria abitazione, i rifiuti dell’umido e dell’indifferenziato sulla scorta di quanto previsto dal calendario. L’umido il lunedì, il mercoledì e il venerdì, mentre l’indifferenziato il martedì, il giovedì e il sabato, con l’esposizione del rifiuto davanti la casa di ogni abitante dalle 6.30 alle 8.30. Sempre da fine ottobre, a Trapani, sono cambiati gli orari per il conferimento dei rifiuti differenziati nelle postazioni fisse situate in via Puglia, via B. Sardo, piazza Vittorio Emanuele. Il conferimento nelle tre postazioni fisse potrà avvenire il lunedì, martedì, e venerdì dalle 13.30 alle 17.30, e mercoledì e giovedì dalle 8 alle ore 12. Inoltre la postazione che si trova accanto al campo sportivo Sorrentino non è attiva a causa di atti vandalici. Ed è l’assessore all’Ecologia del Comune di Trapani, Ninni Romano, a spiegare quali sono stati gli atti vandalici che non consentono di conferire: «Sono stati incendiati tutti i cassonetti sia quelli per la raccolta differenziata, dove le persone così carinamente andavano a pesare, e portare sia i rifiuti umidi sia i prodotti differenziati, ma anche quelli dei cassonetti dell’indifferenziata che erano messi all’angolo». Nell’isola ecologica di Lungomare Dante Alighieri possono, poi, essere conferiti i rifiuti differenziati nelle giornate di lunedì, martedì e venerdì dalle 13 alle 18.30, e mercoledì, giovedì e sabato dalle 7.30 alle 13. All’interno di essa possono essere conferiti i materiali della raccolta differenziata, i rifiuti ingombranti, nonché materiali elettronici. L’atto del Comune di Trapani che attualmente regolamenta il sistema di raccolta differenziata è l’ordinanza numero 2 del 2018 del sindaco di Trapani. L’obiettivo che il Comune di Trapani, anche con la collaborazione necessaria dei cittadini, vuole perseguire è quello di raggiungere il 30 per cento di raccolta differenziata, così come chiesto dal governo regionale a tutti i Comuni, entro la fine dell’anno, che permetterebbe allo stesso Ente di avere un po’ più di tranquillità nella gestione di una materia complessa e delicata come quella dei rifiuti. Ma quella della raccolta differenziata è una storia un po’ lunga che inizia circa 8 mesi fa, ad aprile, con l’emissione, da parte del commissario straordinario Francesco Messineo, di un’ordinanza che prevedeva l’avvio di tale raccolta porta a porta in gran parte della città. Il 4 aprile di quest’anno, di fatto, comincia la differenziata. Circa a metà aprile vengono rimossi i cassonetti dalle strade. Molti cittadini non rispettano l’ordinanza, e non trovando i cassonetti si cominciano a creare grandi cumuli di spazzatura sparsi per la città. Nel frattempo si susseguono i provvedimenti volti a tamponare l’emergenza rifiuti, fino ad arrivare ai primi di maggio quando comincia una raccolta straordinaria in città. A giugno, con l’elezione della nuova amministrazione comunale, si decide di fermare la raccolta porta a porta in attesa dell’avvio del servizio da attribuire all’Enegertikambiente, e di conseguenza i cassonetti ritornano in città. A fine ottobre riprende il porta a porta, gestito dalla Trapani Servizi in attesa che a gennaio subentri il nuovo soggetto. Fin qui la cronistoria della raccolta differenziata a Trapani, ma il quadro degli ultimi giorni è diventato ancora più complicato per lo scenario lavorativo che si potrebbe prospettare per i lavoratori della Trapani Servizi. Infatti, il punto è proprio quello. Nell’ultima riunione del consiglio di amministrazione della Srr Trapani Provincia Nord, non è passata la delibera che consentiva ai lavoratori della Trapani Servizi di transitare all’Enegertikambiente, con il sistema del distacco, in attesa del necessario adeguamento della pianta organica della Srr. Di fronte al rifiuto degli altri due componenti del consiglio di amministrazione della Srr, i sindaci di Marsala Alberto Di Girolamo e di Custonaci Giuseppe Bica, il presidente della Srr Giacomo Tranchida, che è anche sindaco di Trapani, ha rassegnato le proprie dimissioni. Tuttavia lo stesso Tranchida, per tutelare i lavoratori della Trapani Servizi, ha fatto uno scatto in avanti diffidando la società d’ambito a provvedere all’ampliamento della pianta organica per garantire la continuità lavorativa degli stessi lavoratori chiamati a transitare all’Enegertikambiente, quale società che si è aggiudicata l’appalto per la raccolta dei rifiuti a Trapani.

V.C.


 

I Commenti sono chiusi

Cerca
bed and breakfast RUA NUOVA

Clicca sull'Immagine x Ingrandire la locandina
Bed And Breakfast
RUA NUOVA

Calendario
agosto: 2019
L M M G V S D
« lug    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  
Visite