Archivi
Categorie

Undici dei 25 compagni  delle elementari si sono rintracciati e poi riabbracciati nel corso di una fugace cena.

Undici perché, purtroppo, qualcuno li ha lasciati mentre tanti sono da anni fuori città e difficilmente rintracciabili.

Fin qui appare come una normale “rimpatriata” di cuore, come tante altre.

La particolarità, forse unica nel suo genere, sta nel fatto che i “ragazzi” si sono ritrovati dopo settanta anni.

Era una allegra scolaresca della scuola elementare di San Domenico, a Trapani, degli anni ‘50

Un certo imbarazzo, inutile negarlo, si è registrato all’atto dell’ incontro. Tanti ricordavano i nomi o i cognomi dei compagni, ma una grande difficoltà si è registrata nel riconoscimento fisico di quei  ragazzi di cui si serbava il ricordo, ritrovati ultra settantenni cambiati nei volti e nell’aspetto.

Gli anni, è vero, hanno cambiato le sembianze  di quei fanciulli bacchettati prima dalla maestra Giglio e poi dal maestro Casano,  ma non potevano cambiare i ricordi di una spensierata giovinezza dove, pur nella buona educazione del tempo, non mancavano le monellerie fanciullesche che oggi, a confronto delle nuove generazioni ,sembrano davvero fatti innocenti e gioviali. Né bisogna dimenticare che le famiglie arrivavano, in quell’epoca, stremati da una guerra che aveva distrutto mezza città e con essa coinvolto nella miseria migliaia di famiglie.

E  questi ricordi, anche se non espressi, sono tornati alla mente assieme ai tanti comportamenti  in classe e fuori che hanno poi segnato la vita di ciascuno di essi.

Certo, ognuno dei presenti aveva una storia da raccontare -  il proprio lavoro, la famiglia, i nipoti,  – ma i ricordi del passato e delle “elementari” hanno avuto il sopravvento.

Così, tra una pizza e un bicchiere di birra, tra una pasta alla ricotta e un assaggio di vino “vecchio” portato da uno dei commensali, si è parlato, si è rammentato il tempo che non c’è più e salutati, alla fine, con un forte abbraccio e una celata commozione.

Ognuno ha raggiunto le proprie famiglie tornando alla sua vita quotidiana, ma il ricordo di quei giorni di scuola alle elementari è rimasto e rimarrà per sempre indelebile nei loro cuori e nelle loro menti.

Come scaramanzia verso il tempo che inesorabilmente passa, i magnifici undici si sono dati un appuntamento simbolico e speranzoso: a fra… dieci anni.

Di seguito riportiamo, in versi strettamente siciliani, una composizione di Vito Di Bella che di questo incontro è stato l’artefice e animatore.                                                                                                                       Tradurla in italiano non avrebbe senso perché perderebbe tutta la sua essenza.                                                           Inoltre, su questa Rivista troverete un articolo del nostro collaboratore Elio D’Amico che, casualmente,  fa rivivere i tempi dell’epoca dei Ragazzi del ’49 i quali, sostanzialmente, sono quelli vissuti dagli stessi compagni di classe di cui al recente incontro, leggermente più vecchi perché ascrivibili al ’44.

Esami d’amicizia

Avi picca ca si ncuntraru quattru amici di tant’anni. Picciotti di na vota, ora genti di tri quarti di seculu, pissunaggi ca ficiru tannu a stessa scola elementare a Santu Ruminicu nTrapani, ddu vecchiu cummentu di na vota poi fattu a scola pi masculi.

A Piazza Jolanda s’accucchiaru chiddi ca si pottiru truvari ancora peri peri, ennu ricennu Aldo Messina,  Vito Di Bella, Nicola Mistretta, Michele Perrone, Antonio Virzì, Alberto Cognata, Angelo Albanese, Pietro Lipari, Giuseppe Garuccio, Antonino Manuguerra, Nicola Ganci, Lorenzo Cassisa.

Nda na fotocrafia di scola spuntata d’un casciuni si fa stentu a ricanuscisi picciriddu di ottu o novi anni, cu dda facciuzza pulita e nnuccente, i causi curti, tutti stritti cu maestri.

Ora ca sunnu nzemmula si cuntanu li cosi di la vita, lu travagghiu, la famigghia, li niputi, li pinzioni, tanti autri minchiati.

Lu priu è granni pi st’omini ca di tannu a ora ficiru strata, dettiru e appiru, stancaru na li acchianati e na li scinnuti, agghiutteru vuccuna amari e duci, vannu suppurtannu i malivizi da vicchiaia.

Ma è tra un muzzicuni di pizza e un bicchireddu di birra ca la testa torna a na settantina d’anni prima, quannu ddi picciriddi ianu a scola o di matina o di dopupranzu, cu suli o cu l’acqua o cu ventu, stavanu quattru uri dintra li stanzi di iusu o di susu di ddu Santu Ruminicu, agghiacciati e macari cu vitru da finestra ruttu, aspittavanu a campana du zu Ninu u bidellu, a sentiri e senza pipitiari i lezioni da Signura Maestra Giglio, da Signura Maestra Gigante, du Signor Maestru Casano e autri puru, scantati di lignati pigghiati prima nclasse e poi ncasa pi na asinaria fatta.

Lu beddu vinia a iuta a scola e a sciuta da scola. Si caminava sempi ncumpagia abbunnante e ognunu cuntava li so spittizzi: a pellicola ca s’avia vistu o cinima Odeon unni passiavanu i succi mezzu i peri, u spataccinu, iddu e idda, u trarituri, u forte, u fissa; a fiuredda ca mancava e scangiata cu nautri quattru; i gionnaletti di Tex, Grande Black, Toro Seduto, ecc. truvati no giunnalaru; a graffa futtuta a Cicciu c’avia u carritteddu vicinu a scola e tirava a pollisa.

A voti si facia a cursa a scinnuta di Santu Ruminicu e pi fari cariri a cu era primu si ci tirava a cartella mezzu i peri.

Cosi di nenti visti d’ora; ma tannu ti parianu rossi pi sentiti rossu.

Tra dricchi e baddracchi, a nostra scola s’avi a ringrazziari pi chiddu ca ni retti. Puru cu quattru banchi scancarati, un pezzu di lavagna rutta, na figghiulata di tanti quarteri, li nostri maestri ni rettiru lu nsignamentu pi caminari na la giusta strata.

Nzumma cu sti penzeri di capu siritina c’è u risicu di cariri a mari cu tutti i scappi e cosetti, voi pi beddi tempi ca passaru e nun ponnu turnati, voi picchì cangiau l’eprica d’allura, voi pa vicchiaia ca ti stringi, voi picchì no vecchiu arresta sempi u picciriddu.

Na sti mumenti però c’è di essiri cuntenti, picchì ccà ognunu vinni nsensi e cu pieciri, picchì ognunu si senti omu paraggiu a l’autru, picchì tutti sunnu amici ca si rispittanu, picchì iddi ci sunnu mentri tanti autri nun ci sunnu cchiù, picchì sunnu spiranzusi di putiri ira avanti accussì ancora a longu, mperi pi nautru esami d’amicizia.

Vito Di Bella

 

I Commenti sono chiusi

Cerca
bed and breakfast RUA NUOVA

Clicca sull'Immagine x Ingrandire la locandina
Bed And Breakfast
RUA NUOVA

Calendario
giugno: 2018
L M M G V S D
« mag    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  
Visite