Archivi
Categorie

di Aldo Messina

 

Dunque il 4 marzo si vota.

Una volta ci si chiedeva: per chi? Oggi ci si chiede: perché?

Sulla base di questo semplice ma sentito quesito, questa Rivista ha scelto di non dare spazio alla politica cosiddetta nazionale, preferendo tacere e lasciare libere le coscienze degli elettori.                                                                                                                  D’altronde, il magistrale articolo del professor Salvatore Costanza, a pagina 5, ci sembra assolutamente esaustivo.                      Inoltre, da trapanesi, la domanda del perché votare, come detto nel precedente editoriale, ci sembra doppiamente valida.           In primis perché ci appaiono come delle elezioni truccate, dal momento che la composizione del futuro parlamento è ormai appannaggio dei padri-padroni dei partiti. Costoro lo plasmano a loro piacimento con uomini che, prima di essere competenti e coscienziosi, debbono rispondere ai loro voleri. Alla faccia della “democrazia” che dovrebbe lasciare al popolo la scelta dei rappresentanti che dovrebbero essere il più possibile vicini alle esigenze degli elettori.                                                                           In secondo luogo, perché i trapanesi non sono rappresentati in Europa, al Senato, alla Camera e, infine, alla Regione.                     Un popolino in balìa degli altri che fanno di Trapani una colonia elettorale.                                                                                                Senza nostri rappresentanti che ci tutelino, ci chiediamo cosa sarà dell’Aeroporto, del Porto, dell’Università, del Turismo e di tutte le iniziative che, per un momento, sembravano poter aiutare la nostra asfittica economia. Non possiamo accontentarci di ricevere le briciole che la vicina Palermo di tanto in tanto ci elargisce.                                                                                                                Sì, perché la nostra vicinanza, inutile nasconderlo, infastidisce il Capoluogo di Regione, che non perde occasione per penalizzarci, per circoscrivere le nostre (poche) iniziative e, se possibile, per trasferirle sul suo territorio.                                   Ironia della sorte, anche il Commissario straordinario del Comune capoluogo, vedi caso, è palermitano.                                        Sia ben chiaro, non ce l’abbiamo con i palermitani, ma con i trapanesi che non sanno reagire.                                                      D’altronde, se la storia, la cultura e l’antico splendore di questa nostra città sono stati dimenticati, la colpa è tutta dei trapanesi che non hanno saputo insegnare alle nuove generazioni l’orgoglio di appartenenza.                                                                                      Per quanto ci riguarda, questa Rivista lascia molto spazio alla storia di Trapani e dell’hinterland, ma purtroppo non basta.        Ci sentiamo una goccia di acqua dolce in un oceano salato.

 

I Commenti sono chiusi

Cerca
bed and breakfast RUA NUOVA

Clicca sull'Immagine x Ingrandire la locandina
Bed And Breakfast
RUA NUOVA

Calendario
agosto: 2018
L M M G V S D
« giu    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  
Visite