Archivi
Categorie

di Michele Rallo

Non ricordo quando ho conosciuto di persona Rocco Giacomazzi. Probabilmente lo avevo incrociato nella Federazione del MSI negli anni ’70, o forse anche prima. Certamente, sapevo già chi era. E non soltanto perché “a Trapani ci conosciamo tutti”, ma anche perché negli ambienti missini Rocco era una figura nota: sia per essere il braccio destro di Mommo Marchello nella Trapani Calcio, sia – soprattutto – per essere il figlio del compianto Salvatore Giacomazzi, figura storica del più genuino fascismo trapanese. L’avventura politica di Giacomazzi padre era iniziata da studente, quando era scappato da casa per andare a Fiume con D’Annunzio, ed aveva poi percorso tutte le tappe del “fascismo intransigente”. Aveva anche diretto una mezza dozzina di giornali fascisitissimi, da “Il Baluardo” a “Il nostro Impero”.

Della figura di Salvatore Giacomazzi mi ero interessato nel 1983, quando il sindaco Megale aveva organizzato una tavola rotonda sulla storia della stampa trapanese, e mi aveva chiesto di partecipare con una relazione sulla stampa del periodo fascista. Allora avevo cercato Rocco, per chiedergli qualche notizia in più sull’attività giornalistica del genitore.

Era stato, quello, il mio primo incontro “serio” con lui, il primo che andasse al di là di una fugace stretta di mano o di poche frasi scambiate al volo. Ne rimasi positivamente impressionato. Intanto perché il mio interlocutore era – come suol dirsi – “all’altezza”; nel senso che la sua adesione ad una determinata parte politica era frutto di una valutazione razionale, consapevole, e non il portato di scelte epidermiche, istintive, maturate soltanto per ragioni sentimentali, ambientali. E poi perché alla saldezza delle sue convinzioni Rocco accompagnava una piena, completa tolleranza nei confronti di chi aveva convinzioni diverse. Era, questo, un elemento che ci accomunava: la fermezza delle proprie idee, coniugata con la tolleranza, con il rispetto per le idee degli altri. Concetto che spesso – allora come ora – era estraneo a certi teorici di una ben strana democrazia.

Dopo quel primo incontro “serio”, ne seguirono altri, ma più brevi, fugaci. Il più delle volte nella redazione di RTC, la tv privata dove spesso mi recavo per le incombenze della politica locale (in quegli anni rivestivo la carica di Consigliere comunale), ed anche – mi piace ricordarlo – per lunghe chiacchierate con il mio amico Mauro Rostagno: altro elemento che accompagnava le proprie idee chiare con il massimo rispetto per le idee altrui.

Più tardi, nel 1994, quando venni eletto per la prima volta alla Camera dei Deputati, pensai subito a Rocco per l’incarico di addetto-stampa e, poi, di responsabile della mia segreteria. Fu, all’inizio, una scelta dovuta ad una semplice valutazione di ordine professionale. Ma, ben presto, il valore di Rocco mi apparve nella sua dimensione reale: quella delle sue qualità umane, personali. Mi resi conto di aver cercato soltanto un giornalista, e di aver trovato invece un signore, un galantuomo, un gentiluomo nel senso più vero, profondo di questo termine.

È così che mi piace ricordarlo. Ed è così – ne sono certo – che lo ricordano quanti ebbero la fortuna di essergli amici.

 

Al sentito ricordo di Rocco Giacomazzi si unisce l’intera Redazione de “La Risacca” ed il sottoscritto che ha volentieri  lasciato all’amico Rallo il compito di commemorarlo per ricordarnela figura di giornalista e gentiluomo.

Rocco si è fatto amare ed apprezzato in più occasioni fino alla direzione di Telesud. Trovare un giornalista degno della sua successione per completezza di cultura, dignità e signorilità è impossibile. Per questo, probabilmente, lo ricorderemo a lungo come l’ultimo direttore della tv locale.

Ciao Rocco.                                                                                                               Aldo Messina

 

Lascia un Commento

Cerca
bed and breakfast RUA NUOVA

Clicca sull'Immagine x Ingrandire la locandina
Bed And Breakfast
RUA NUOVA

Calendario
ottobre: 2017
L M M G V S D
« set    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  
Visite