Archivi
Categorie

CONTRARIO SOLO IL MOVIMENTO 5 STELLA

 

Si accentua, anche per causa o per fortuna delle imminenti elezioni amministrative, che saranno seguite dalle regionali, il dibattito sulla necessità di creare, a Trapani, un nuovo, più ampio e più moderno ospedale.

Da tempo se ne parla ma, le azioni concrete sono davvero poche.

Tutti, ad eccezione del Movimento 5 Stella, auspicano un nuovo ospedale nel capoluogo che possa essere, in diversi reparti, un punto di riferimento per tutta la provincia, e non solo.                                                                                                                                          A lanciare l’idea del nuovo e necessario nosocomio, al passo coi tempi, è stato l’assessore alla Sanità Baldo Gucciardi in occasione di una riunione coi sindaci della provincia. Al suo intento ha fatto seguito un comunicato del neo Commissario regionale dell’APS Trapani, Giovanni Bavetta, il quale replicando alla contrarietà del M5S ha detto: “Credo che sia una polemica fuori luogo quella contro la realizzazione di un nuovo grande ospedale a Trapani. E’ nostro compito, infatti, anche cominciare a programmare quello che dovrà essere il futuro della sanità trapanese nei prossimi anni”. Un consenso è arrivato subito dai candidati a sindaco di Trapani, molti dei quali, come Fazio, ne avevano posto la realizzazione nel proprio programma elettorale.                                                                                                                                                                                                  Sul fatto che l’attuale sant’ Antonio di Raganzili non sia più sufficiente e tanto meno efficiente per ricevere le tecnologie moderne, convergono quasi tutti i sanitari trapanesi. In una intervista realizzata al primario del reparto Oncologia, pubblicata in altro articolo, lo stesso dirigente si è augurato che una nuova realizzazione avvenga al più presto.                                                                                                                                                                                                                                                                                                       Oltre agli angusti spazi attuali di numerosi reparti, esistono nuove esigenze di locali adeguati per ricevere le più moderne attrezzature tecnologiche sanitarie; per non parlare di ospitalità civile verso gli ammalati. Vero è, che recentemente saranno aumentati i posti di sanitari e paramedici, ma il bicchiere resterebbe mezzo vuoto. Il problema è che nella maggior parte dei reparti non esistono spazi per ospitare nuovi medici, per non parlare di posti letto che in alcuni casi sembrano quelli approntati per ospedali da campo.                                                                                                                                                                                                          La verità è che l’Ospedale trapanese, o ericino, se vogliamo, è stato creato per le esigenze e i macchinari di oltre mezzo secolo addietro. Oggi la scienza ha fatto passi da giganti e richiede nuove e adeguate strutture.                                                                                Ci riferisce un paziente oncologico che nel suo reparto di riferimento non esiste un bagno per i pazienti che, sottoposti a chemioterapia, abbisognano di urinare anche durante il trattamento.                                                                                                           In pratica, di nascosto, debbono recarsi in altri reparti, dove i loro bisogni non potrebbero essere ricevuti perché andrebbero scaricati in appositi water che dovrebbero essere collegati, per cautela, a quelli delle malattie infettive.                                                     Ma questi sono solo alcuni aspetti negativi dell’attuale situazione. I nuovi macchinari, ormai in uso negli ospedali italiani, sono all’avanguardia nella ricerca delle origini delle cause delle malattie. In assenza di questi, si rischia una diagnosi tardiva e la compromissione della stessa vita degli ammalati locali ai quali rimane solo rivolgersi al dottor Alitalia o Ryanair con spese enormi, sostenibili solo da pochi. I meno abbienti si possono rivolgere solo alla magia nera o alla grazia divina.                         Infine, da alcuni anni, i migliori ospedali nazionali tendono a rifiutare i ricoveri di meridionali e siciliani in particolare perché sovraccarichi di lavoro e perché la regione Sicilia spesso tarda nei rimborsi.                                                                                                 Il problema, dunque, diventa di natura umanitaria e va affrontato al passo con l’accoglienza degli immigrati, perché i siciliani non possono essere considerati una razza inferiore rispetto agli extracomunitari, con tutto il rispetto per questi.                                Un nuovo Ospedale nel capoluogo non solo è necessario e improrogabile per una società civile, ma anche fattibile dal momento che l’ASP è proprietaria di un vasto terreno proveniente dal patrimonio dell’ex Onorevole e Ministro trapanese Nunzio Nasi, in contrada Paneperso, nella zona Milo.                                                                                                                                                          L’augurio, come detto all’inizio di questo articolo, è che non si tratti solo di una trovata pubblicitaria elettorale, ma di una volontà civica e di una coscienza umana.                                                                                                                                                     L’importante è che la realizzazione avvenga in tempi brevi perché di un’altra struttura che dovesse sorgere  fra dieci anni con una previsione tecnica e sanitaria attuale, non se ne sente il bisogno. Già ne abbiamo una che, pur ampliata, rimane superata dai tempi.                                                                                                                                                                                                                            Intanto, nel corso della conferenza coi sindaci della provincia, per spiegare la nuova rete ospedaliera, è intervenuto l’Assessore alla Salute Baldo Gucciardi. “La riorganizzazione degli ospedali della provincia – ha detto nel suo intervento Gucciardi - ha condotto, utilizzando canoni e criteri moderni, ad una rete ideata come un unico grande ospedale. Si tratta – ha sottolineato l’assessore – di una rete fondata su un nuovo modello organizzativo, che segna il superamento dell’errato ed obsoleto concetto dell’ospedale sotto casa, realizzando una nuova sanità concepita sulla complessità della patologia e sull’ intensità di cura, che applica in senso compiuto l’art. 32 della nostra Costituzione. Il diritto alla vita ed alla salute infatti non è stato uguale per tutte le regioni e per tutte le aree di una stessa regione. Oggi, invece, attraverso un nuovo modello che progetta gli ospedali sulla Rete dell’emergenza-urgenza, si riconosce ad ogni cittadino lo stesso diritto alla salute ed alla vita, perché questo modello non privilegia più l’ospedale più vicino, se questo non è attrezzato per l’intensità di cura che si profila necessaria.”

 

I Commenti sono chiusi

Cerca
bed and breakfast RUA NUOVA

Clicca sull'Immagine x Ingrandire la locandina
Bed And Breakfast
RUA NUOVA

Calendario
ottobre: 2017
L M M G V S D
« set    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  
Visite