Archivi
Categorie

TRAPANI:  UN POPOLO DORMIENTE CHE RISCHIA DI PERDERE IL SUO FUTURO

DI FILIPPO CAMUTO


“Il sogno di un trapanaese”

“Drepanum, quo vadis?”, “Trapani, dove vai?”. Forse altri vogliono trarre vantaggi economici utilizzando il tuo territorio? Restiamo increduli nel sentir dire che l’Aeroporto Civile di Trapani/Birgi non ha un futuro ed è bene invece che si accorpi con quello palermitano. Non condividiamo ciò. Ci rendiamo abbastanza conto che i due aeroporti siano in concorrenza, e questo ci sembra normale in un regime che regola la competizione delle attività commerciali. L’Aeroporto di Trapani trovasi in posizione geografica strategica e, dal punto di vista della sicurezza, è tra i migliori d’Italia. Infatti, c’è da dire che la trascorsa guerra in Libia ed il conseguente utilizzo del coesistente Aeroporto militare di Trapani, per motivi bellici e logistici, hanno determinato lo spostamento del traffico aereo civile della Ryanair e di altri vettori da Trapani a Palermo. Spostamento che ci eravamo illusi essere temporaneo, ma invece tale non fu in quanto importanti collegamenti, italiani ed esteri, non tornarono più all’aeroscalo trapanese. In compenso, da parte dello Stato fu elargito un modesto contributo quale ristoro per le perdite finanziarie subite dagli operatori turistici e di altre categorie per l’impraticabilità contingente subita dall’Aeroporto di Trapani.

Ora, come avanti detto, arriva la dichiarazione del Sindaco di Palermo che ritiene l’unione dei due aeroporti di Trapani e di Palermo essere l’unica strada da seguire per la salvezza dell’aeroscalo trapanese. Al riguardo, circola anche nell’area aeroportuale palermitana l’opinione che bisogna temere la concorrenza dell’Aeroporto civile di Trapani e, quindi, bisogna attrezzarsi di conseguenza. Tutto ciò ha suscitato una serie di polemiche vertenti soprattutto nella continua forzatura di volere estendere su Trapani la supremazia palermitana che si traduce, evidentemente, in interessi economici per quel territorio. Intanto è da far notare che sono diminuite le corse degli autobus che collegavano direttamente Trapani con l’Aeroporto di Palermo e viceversa.

Con riferimento a quanto sopra detto, riportiamo ciò che ha dichiarato sull’argomento la senatrice Orrù: «l’Aeroporto di Trapani ha un futuro e bisogna guardare al suo sviluppo nell’ottica del sistema creato dal Governo nazionale, nel 2015, con la classificazione degli aeroporti italiani. La Sicilia è l’unica Regione ad avere sei aeroporti di interesse nazionale, di cui due strategici e Trapani è fra questa categoria». Più tranquilla è invece la situazione dell’Aeroporto di Comiso che mantiene l’autonomia e collabora con franchezza con quello di Catania, non molto distante. Non vogliamo che l’Aeroporto civile di Trapani faccia la stessa fine del nostro porto, accorpato, nonostante le resistenze locali, alla Autorità di sistema portuale di Palermo, con grave danno all’economia del nostro scalo marittimo, ridotto nella condizione di vassallaggio. A nulla potrebbe giovare a Trapani un ufficio portuale distaccato dell’Autorità portuale palermitana senza poteri decisori.

Il periodo migliore per il nostro porto è stato quando Trapani era sede di Autorità portuale autonoma, inopinatamente soppressa. Importanti e redditizi collegamenti (anche storici) da/per Trapani, Cagliari, Civitavecchia, Livorno, Genova, navi da crociera, sono stati spostati su Palermo.

Oggi il porto, su cui ruotava un’importante attività industriale, avverte la mancanza di una propria Autorità portuale. Da molto tempo non si procede più all’escavazione dei fondali; al molo Ronciglio non sono stati ultimati i lavori delle banchine, né è stato demolito il vicino ed ormai inutile sporgente foraneo (faro verde), che può ostacolare le manovre in porto delle grandi navi da crociera, le quali rinunzierebbero a venire a Trapani. È il caso di dire a gran voce, “ridate a Trapani l’Autorità portuale autonoma”.

Infine c’è da considerare che i trapanesi non sono campanilisti, come più volte in questa rivista abbiamo dimostrato, soltanto che, alla luce di quanto sta avvenendo nella nostra città, è necessario che difendano il proprio territorio. Trapani è bellissima e la sua storia passata e presente merita da parte di tutti, politici e cittadini, maggiore tutela ed azioni più efficaci per il suo divenire.

Trapanesi, difendiamo l’Aeroporto ed il Porto, potenziamo l’Università, costruiamo il Teatro Garibaldi in piazza Vittorio Emanuele, sviluppiamo il Turismo.

 

I Commenti sono chiusi

Cerca
bed and breakfast RUA NUOVA

Clicca sull'Immagine x Ingrandire la locandina
Bed And Breakfast
RUA NUOVA

Calendario
maggio: 2017
L M M G V S D
« apr    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Visite