Archivi
Categorie

L’ASSESSORE  POLLINA PARLA DI TURISMO E SPETTACOLO

DI GIOVANNI BARRACO

 

Uno dei corpi di fabbrica che sono pertinenze del Molino Excelsior è la sede dell’assessorato alle Politiche della promozione turistica, culturale e sportiva del Comune di Valderice. All’assessore Serena Pollina fui presentato nello scorso autunno dal Sindaco Mino Spezia che da qualche giorno l’aveva chiamata a far parte della squadra assessoriale. Più volte ho incontrato  Serena Pollina negli uffici e nella Sala conferenze del Molino in occasione di eventi, presentazioni e spettacoli. Volendo usare un eufemismo d’autore le ho un po’ ronzato attorno, come “vespe all’uve primaticce”, fino a convincerla a rilasciare per i lettori de LA RISACCA l’intervista che segue.

Assessore Pollina, il suo ingresso in politica è un fatto recente. Quali motivazioni la spingono nell’impegno?

«Forse la risposta sarà scontata ma, nei fatti, è così: mi è stata data una grande opportunità che è la possibilità di poter fare qualcosa di buono per il territorio a cui sento di appartenere. Per questo motivo, intendo mettere le mie idee e le competenze che ho acquisito al servizio della comunità valdericina».

 

L’assunzione di responsabilità amministrative, quali cambiamenti ha determinato nella sua vita?

«Ho sempre avuto dei ritmi di vita frenetici ma, come immagina, c’è tanto da fare e ciò significa che bisogna ottimizzare i tempi e combinare l’attività amministrativa con il lavoro e con gli impegni familiari. Tuttavia, lo faccio con grande piacere e con motivazione. Sono determinata a portare a termine i miei impegni e cerco di fare del mio meglio per non trascurare nulla».

Nella responsabilità del suo assessorato, lei succede ad altre donne valdericine che hanno ben meritato. Che peso ha il suo assessorato in seno alla Giunta? Come intende personalizzare il suo ruolo?

«Il peso è esattamente lo stesso degli altri. D’altronde, non potrebbe essere diversamente, se si considera che la promozione turistica deve essere il cavallo di battaglia di qualsiasi amministrazione della Sicilia. Per quanto riguarda la seconda domanda, senza dubbio, il mio volto è meno conosciuto di chi mi ha preceduto. In questi mesi ho avuto modo di interagire con molte espressioni della comunità e in nessuna di loro ho notato diffidenza. Io, comunque, cerco di portare avanti questo impegno con costanza e determinazione, senza strafare, consapevole delle difficoltà che caratterizzano il presente. Sono ingegnere e, dunque, per attitudine, tendo ad essere molto pragmatica».

Nel territorio – e in campi diversi – operano numerose associazioni di volontariato. Come vede il loro impegno? Quale tipo di sostegno, l’Amministrazione comunale dà e riceve?!

«Ci sono numerose associazioni che operano a Valderice senza secondi fini, con l’unico obiettivo di creare momenti di condivisione, di sport e di cultura per la nostra terra. Questo deve essere apprezzato e sostenuto. Mi piacerebbe poter accontentare tutti coloro i quali si spendono per questo territorio. Noi cerchiamo di fare il possibile per dare loro una mano, dando a tutti lo spazio che meritano, nei limiti delle possibilità che le risorse a nostra disposizione ci impongono».

Il suo compito non è solo quello di organizzare eventi, ma di sollecitare e coordinare iniziative di sviluppo, anche economico. Come intende muoversi?

«Direi che si tratta di iniziative di sviluppo turistico, più che economico. Tuttavia, spesso i due fattori coincidono. Ritengo che lo sviluppo passi inevitabilmente dal turismo e dalla valorizzazione delle bellezze del nostro territorio. Questo è uno dei punti cardine della mia idea di gestione della cosa pubblica».

 

Naturalmente, ogni comune rivendica il suo particulare. Che spazio c’è per un coordinamento, né effimero né episodico, tra i comuni del territorio che differenzi l’offerta ed eviti sovrapposizioni?

«Voglio essere sincera, non è semplice, ma l’Unione dei Comuni Elimo Ericini deve remare dalla stessa parte. In fin dei conti, è la stessa parola “unione” a fare chiarezza. Evitare sovrapposizioni, anche di calendario, soprattutto di eventi simili, è uno dei modi per dimostrare di essere davvero uniti, e ritengo che i benefici sarebbero tanti e per tutti. È necessario adottare strategie comuni e programmazioni condivise, aspetto che ho già sottolineato pubblicamente».

Su quali eventi si sente di scommettere il suo Assessorato? Da quali potrà anche venire un ritorno d’immagine per Valderice?

Certamente sul Carnevale che è già andato in scena, facendo registrare numeri da capogiro, in termini di presenze. Noi abbiamo dato tutto il supporto possibile al Comitato Carnevale che ha organizzato l’evento e a tutti i volontari che si sono spesi per la riuscita dello stesso. Ne approfitto per ringraziarli. “La Bibbia Nel Parco” è, sicuramente, un altro appuntamento in cui l’Amministrazione crede fortemente. Ha un ritorno d’immagine importante, di portata nazionale. Per il secondo anno di fila, infatti, ha vinto il premio Italive (quest’anno come miglior evento folkloristico). Abbiamo già avuto modo, in passato, di affrontare l’argomento “Mercatini di Santa Lucia”, la prima manifestazione con la quale mi sono confrontata. Seppur con qualche difficoltà di carattere economico, ritengo che sia perfettamente riuscito, grazie alla collaborazione di numerose associazioni locali. Vorrei rivolgere l’attenzione anche su eventi di natura culturale perché Valderice ha tanto da raccontare… Infine – ma non per ordine di importanza –, punto molto sullo sport, con eventi di un certo livello. C’è già qualcosa in cantiere».

Come viene gestita l’attività del Teatro comunale “Nino Croce”? Può anticiparci qualcosa sulla stagione estiva, ormai prossima?

«Il Teatro “Nino Croce” è uno dei fiori all’occhiello dell’intera provincia ed è uno degli aspetti che meritano maggiore attenzione da parte dell’Amministrazione. È in fase di preparazione un calendario per la stagione estiva, che prevede appuntamenti variegati, in modo da poter soddisfare gusti diversi. Inoltre, stiamo lavorando ad un’intesa col Conservatorio “A. Scontrino”, in modo da includere, nella nostra stagione estiva, alcuni appuntamenti di “buona musica” di altissimo spessore, senza dover ricorrere necessariamente ad artisti stranieri».

C’è una domanda che si aspettava le facessi e non ho fatto?

«Direi di no, ma ne approfitto per ringraziarla per lo spazio che mi sta dedicando. Vorrei ringraziare anche il Sindaco e gli altri Assessori per avermi dato una mano, soprattutto nella prima fase, a portare avanti l’attività amministrativa che, lo ribadisco, rappresenta un impegno importante e molto stimolante».

 

L’intervista finisce qui. L’assessore Serena Pollina – alla quale esprimo viva gratitudine – agguanta la borsa con cartelle, buste e bozze di delibere e sale i gradini che la separano dalla sede del suo ufficio. Nello sguardo che rivolge al cielo mi par di cogliere l’espressione di scampato pericolo, come di chi si liberi dal fastidioso ronzio che fan le “vespe all’uve primaticce”.

 

 

 

I Commenti sono chiusi

Cerca
bed and breakfast RUA NUOVA

Clicca sull'Immagine x Ingrandire la locandina
Bed And Breakfast
RUA NUOVA

Calendario
ottobre: 2017
L M M G V S D
« set    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  
Visite